Il regolamento

La manifestazione ha come obiettivo la valorizzazione del miele, della varietà e delle specificità proprie del prodotto italiano, l’incentivazione delle buone pratiche apistiche, la promozione delle aziende maggiormente attente alla qualità. In funzione delle caratteristiche dell’apicoltura italiana, della varietà delle sue produzioni e degli obiettivi del concorso, ci si è avvalsi, fin dalle prime edizioni, di un regolamento i cui capisaldi possono essere così riassunti:
• anonimato dei campioni, indispensabile per l’obiettività del giudizio;
• valutazione di alcuni criteri obiettivi attraverso analisi di laboratorio (in particolare l’umidità per verificare la conservabilità del prodotto, l’HMF per verificare lo stato di conservazione, ma anche colore, accertamenti microscopici, contaminanti);
• costante evoluzione nelle tecniche di analisi, sia nell’ambito di quelle chimico-fisiche, sia organolettiche, utilizzando i giudici più esperti e il miglior livello di giudizio organolettico disponibile;
• elevato numero di riconoscimenti e scarsa gerarchizzazione degli stessi;
• ritorno dell’informazione al partecipante attraverso il rapporto di prova relativo alle analisi e il commento dell’esito del concorso, nonché la disponibilità a chiarire gli elementi di valutazione;
• diffusione e pubblicizzazione dei risultati del concorso.

 

Patrocini