Il premio

La guida ai Grandi Mieli d’Italia, per il 2015 comprende ben 324 prodotti diversi scelti fra i mieli partecipanti. La totalità dei mieli selezionati e premiati con una, due e tre gocce d’oro al concorso Grandi Mieli d’Italia.
Il premio “Tre gocce d’oro” è stato attribuito per la prima volta nel 2003 quale valutazione finale dei mieli partecipanti al Concorso Grandi Mieli d’Italia.
Certamente il più antico, il più rappresentativo (vanta il maggior numero di partecipanti, provenienti da tutte le regioni italiane) e il più attento al miglioramento delle qualità dei mieli italiani e alla promozione presso il grande pubblico.
I mieli partecipanti al concorso vengono infatti valutati e analizzati (analisi organolettiche, fisico-chimiche, melissopalinologiche, nonché accertamenti dei principali residui di farmaci veterinari e del contenuto di piombo), e i risultati della valutazione vengono comunicati ai concorrenti in modo che possano migliorare in futuro le qualità dei mieli prodotti.
All’edizione 2015 del concorso hanno partecipato 813 diversi mieli.
Tutte le regioni italiane sono state rappresentate, anche se la parte del leone l’hanno fatta la Lombardia (129 mieli in concorso), l’Emilia-Romagna (102), il Piemonte (70) e il Veneto (56).
I campioni riguardano ben 43 mieli uniflorali e 2 tipologie di millefiori (millefiori e millefiori di alta montagna delle Alpi). Tra gli uniflorali i più numerosi sono l’acacia (robinia) (198), il castagno (68) e le melate (43).
I più rari: l’erica carnea, l’erica multiflora, il fiordaliso giallo, l’indaco bastardo, il rosmarino, il timo erba barona e il trifoglio incarnato. Sono stati premiati 12 mieli con le “Tre gocce d’oro”, 105 mieli con le “Due gocce d’oro” e 207 mieli con “Una goccia d’oro”.

Patrocini